Domani è un altro mondo

Domani è un altro mondo
Quando dal 18/09/2020 alle 18:00
al 30/10/2020 alle 20:00
Dove Bologna
Aggiungi l'evento al calendariovCal
iCal

Quali interrogativi porsi per immaginare un futuro differente? Da quali basi (ri)partire, ora che i presupposti paiono mutati?
"Domani è un altro mondo" è un ciclo di incontri rivolti ai giovani, ma aperto a tutta la cittadinanza, organizzato da AltreVelocità e nato nell’ambito del progetto di ERT-Emilia Romagna Teatro FondazioneCosì sarà! La città che vogliamo” con l’intento di mettere in luce temi e questioni capaci di stimolare e alimentare la riflessione attorno alla città e al suo rinnovamento, soprattutto ora che la pandemia ha imposto brusche accelerazioni e profondi cambiamenti nella società.
Si tratta di conversazioni aperte con figure provenienti da differenti ambiti, chiamate a condividere saperi, visioni e pratiche. Il dialogo fra discipline vuole essere occasione di contaminazione e scardinamento di chiusure e settorialismi; la trasmissione di conoscenze e metodi, invece, è un’opportunità di scambio virtuoso fra membri di una comunità, stimolo al pensiero critico e all’immaginario futuro.

Tutti gli incontri, della durata di due ore, si terranno ad Atelier Sì (Via San Vitale 69, Bologna) e sono a ingresso gratuito con posti limitati e prenotazione obbligatoria. Per partecipare occorre inviare una mail ad indicando nome, cognome, data e luogo di nascita, numero di telefono.

Ecco il programma! 

Venerdì 18 settembre, ore 18
Ascolti utopici: la città che vogliamo

Serata d’ascolto a cura di Rodolfo Sacchettini. 
Nel 1973 Andrea Camilleri e Sergio Liberovici compongono un documentario radiofonico dal titolo Outis topos: un’ipotesi di radio futura. È il primo esperimento di autogestione del mezzo radiofonico, prima delle radio libere. A Torino un quartiere si organizza e discute sui problemi più urgenti (caro vita, sfratti, vita da emigranti…). La radio diventa lo strumento per guardare al futuro. L’incontro sarà l’occasione per presentare un innovativo documentario del passato che indica ancora oggi delle nuove possibilità di abitare la città.

Giovedì 24 settembre, ore 18
Nadia Terranova

Zazie nel metrò: la città immaginata dai ragazzini

Incontro con Nadia Terranova
Nadia Terranova, autrice di romanzi per ragazzi e adulti, da tempo si interroga con sapienza e gioia, con occhio vigile e mai sazio, sull’infanzia e le sue manifestazioni, anche quelle più celate. Esiste una città a misura di bambino? Agli occhi di un bambino e di una bambina, in che misura regole e anarchia dialogano nel tessuto urbano?

Venerdì 16 ottobre, ore 18
Uno straniero in città

Incontro con Goffredo Fofi. 
Critico e attivista, maestro disobbediente e anarchico, tra le voci più radicali nel mondo culturale italiano, Goffredo Fofi incontrerà i giovani di Bologna per abbracciare e spaziare dall’economia alla politica, dalla cultura all’educazione al rispetto per la natura e per il futuro, e molto altro.

Venerdì 23 ottobre, ore 18
Gioventù rubata: il decoro urbano e altre congiure

Stefano Laffi incontra Wolf Bukowski.
Ricercatori, autori, instancabili critici del “senso comune” e delle retoriche che lo sorreggono, Laffi e Bukowski proveranno a farci indossare nuove lenti per osservare la società in cui viviamo. Qual è il destino dei giovani nella città di oggi? Cosa si intende per decoro urbano? Chi decide e perché? Tener vive le domande, per riappropriarsi del presente.

Venerdì 30 ottobre, ore 18
Le mani sulla città. Abitare al tempo delle piattaforme

Incontro con Sarah Gainsforth.
L'incontro sarà l'occasione per interrogarci su come sarà la città di domani – visto anche il ruolo che la pandemia giocherà nel settore del turismo e in ambito di diritto alla casa – con la ricercatrice indipendente e giornalista freelance Sarah Gainsforth, autrice di Airbnb città merce (Deriveapprodi 2019), che si occupa di temi sociali con un focus dedicato alle disuguaglianze e alle politiche abitative.

archiviato sotto: