NEWS

LE NOTIZIE DAL PORTALE GIOVANI

Partecipazione

Informagiovani e strumenti di comunicazione: la parola ai giovani

Lo scorso 17 febbraio, a Reggio Emilia, sono stati presentati i risultati della consultazione avviata con un campione di ragazzi e ragazze emiliano-romagnoli sui temi dell'informazione e della comunicazione regionale rivolta ai giovani.

La consultazione, esito di un precedente percorso di confronto con gli amministratori locali, ha richiamato l'attenzione dei partecipanti sul ruolo degli spazi Informagiovani e sui requisiti per la realizzazione di una possibile APP, come ulteriore canale di contatto e scambio di informazioni tra la Regione e i giovani.

"Abbiamo sempre con grande determinazione sostenuto lo strumento degli Informagiovani, luoghi in cui ragazze e ragazzi possono trovare risposte alle loro domande, costruire relazioni, condividere un progetto, comunicare un'esigenza, afferma l'Assessore regionale Massimo Mezzetti - Vogliamo trovare, insieme alle ragazze e ai ragazzi, nuovi modi per rendere sempre più facile ed immediato il reperimento delle informazioni, vogliamo riuscire a rispondere non solo alla loro esigenza di chiarezza ma anche a quella di immediatezza e vogliamo usare piattaforme diverse per riuscire ad intercettare richieste diverse".

Alla consultazione hanno partecipato 108 giovani (35,6% ragazzi e 64.4% ragazze), tra i 14 e i 29 anni, dei Comuni di Bologna, Ferrara, Modena, Reggio Emilia e Parma.
Il campione selezionato comprende i giovani che hanno aderito al progetto youngERcard ed hanno già concluso il loro percorso progettuale.

"Lo abbiamo fatto per offrire a tutte le ragazze e a tutti i ragazzi i supporti informativi e di primo orientamento necessari per renderli in grado di compiere le scelte più opportune e consapevoli rispetto al loro futuro e ai loro interessi, afferma Marina Mingozzi, Responsabile del Servizio Cultura, Sport e Giovani - Il nostro obiettivo è quello di garantire un'informazione trasversale, che potenzialmente possa soddisfare tutte le necessità informative dei giovani permettendo un migliore inserimento nella vita sociale tramite l'aumento delle conoscenze, delle possibilità e potenzialità individuali".

 

Informagiovani: le risposte dei ragazzi

La totalità dei giovani intervistati si definisce pianamente soddisfatta rispetto alle informazioni fornite dagli uffici Informagiovani. Sono in netta maggioranza (81.15%) coloro che vorrebbero un Informagiovani con un vero e proprio spazio fisico nel proprio Comune.
Tra le location ideali i ragazzi suggeriscono l'individuazione di uno spazio interamente dedicato (26.23%), l'apertura all'interno di una biblioteca (27.87%) o di un Centro Giovani (18.85%) o, ancora, presso il Comune (6.56%).
Ad eccezione di una piccola minoranza (18.85%) che non li considera una priorità in quanto preferisce reperire le informazioni online, in generale i ragazzi vedono positivamente il ruolo e la presenza sul territorio degli Informagiovani, quali luoghi di supporto e orientamento nel reperimento delle informazioni che li riguardano.

 

Un'App a misura di giovani

La consultazione ha rappresentato un punto di partenza per ulteriori interventi, uno stimolo a rivedere l'impostazione degli attuali strumenti comunicativi istituzionali e poter fare sempre meglio, ripartendo da quegli spazi reali e virtuali dove effettivamente i giovani si ritrovano.

Secondo i dati raccolti, Whatsapp è in assoluto l'app maggiormente utilizzata dai ragazzi durante la giornata, seguita da social network come Facebook, YouTube e Instagram.
Tra le altre app utilizzate figurano Snapchat, Tripadvisor, calendar, Booking e Twitter. Una discreta percentuale di giovani ammette di consultare anche app dedicate alle notizie.

Ma su quali temi i ragazzi vorrebbero essere informati mediante l'app? Le priorità tematiche indicate sul questionario vedono il lavoro e la formazione ai primi posti. Essi, inoltre, hanno espresso interesse, nell'ordine, per informazioni su opportunità europee, musica e teatro, svago e aggregazione, sport e salute.
I giovani intervistati sembrano aver le idee chiare anche in merito ai servizi e alle funzioni che vorrebbero trovare nell'app.
In ordine di priorità, l'app dovrebbe essere dotata di: un sistema alert, un'agenda con appuntamenti e scadenze, un servizio di messaggistica con un tutor, una community, un servizio di condivisione di opportunità tramite immagini e di geolocalizzazione di informazioni e attività.

Semplicità, rapidità e interattività sono le tre parole chiave da tener presente nello sviluppo dell'app, secondo il contributo di idee dei ragazzi intervistati.
I giovani vogliono poter trovare rapidamente le informazioni di cui hanno bisogno e mettono in primo piano l'esigenza di una maggiore accessibilità ad informazioni che riguardano bandi, progetti, corsi di formazione, opportunità di lavoro e stage, con uno sguardo che va oltre confine e punta all'Europa e alle possibilità di fare esperienze all'estero.

Un'app efficace e facile da usare, attraverso la quale potersi anche mettere in contatto con altri soggetti, comunicare ed attivare delle chat tematiche.
Si sottolinea inoltre l'importanza della personalizzazione dell'app, della presenza di un motore di ricerca attraverso il quale ogni utente potrà filtrare le informazioni di proprio interesse e creare una sua agenda personale di eventi, corsi e bandi in scadenza.

Non manca chi tra le caratteristiche fondamentali sottolinea la gratuità, l'assenza di pubblicità e sponsorizzazioni, ma soprattutto la certezza che le informazioni siano pienamente attendibili.
I giovani partecipanti alla consultazione rivelano un'alfabetizzazione digitale sempre più crescente, caratterizzata dalla consapevolezza che le nuove piattaforme tecnologiche oggi disponibili rappresentano strumenti strategici per la ricerca di opportunità (soprattutto di formazione e lavoro) e di tutte quelle informazioni utili per poter trovare - passo dopo passo - il proprio posto nella società.

(MZ)

Per saperne di più: 

Scarica la pubblicazione (pdf, 231.0 KB) con i risultati della consultazione

archiviato sotto: ,