Apprendistato e tirocini

Per entrare nel mondo del lavoro e continuare a studiare
Apprendistato e tirocini

Svolgere un'esperienza lavorativa durante il periodo di formazione o intraprendere un tirocinio in azienda una volta conclusi gli studi possono essere delle opportunità assolutamente utili per accorciare il tempo di transizione tra il mondo della scuola e quello del lavoro, per aiutarti a capire quali sono le tue potenzialità e i tuoi obiettivi e trovare la strada migliore per realizzarli.

Ecco qui tutto quello che ti serve sapere per scegliere la formula più adatta alle tue esigenze.

Apprendistato

Se hai tra i 15 e i 29 anni l'apprendistato è una forma di contratto rivolto prorio a ragazze e ragazzi come te che vogliono acquisire una qualifica professionale e continuare a formarsi. Potrai così iniziare a lavorare all'interno di una azienda e, contemporaneamente, potrai portare avanti un percorso di formazione, nell'ambiente di lavoro così come nella scuola superiore o nell'università.

Artigiano

Il contratto di apprendistato si applica a tutti i settori di attività e ha l'obiettivo di formare complessivamente le giovani generazioni non solo per un singolo impiego ma per il mercato del lavoro nel suo complesso.

 

Sono tre le tipologie di apprendistato:

 Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore
E' una forma contrattuale pensata per chi ha meno di 25 anni e deve concludere il periodo di istruzione e formazione. Ha una durata massima di tre anni o di quattro nel caso di diploma. In caso di apprendistato per acquisire un certificato di Istruzione e Formazione Tecnica Superiore (IFTS) la durata è di massimo un anno. 
Se ti interessa vai sul sito Formazione e Lavoro della Regione per avere maggiori informazioni.

  • Apprendistato professionalizzante
    Questa tipologia ti consente di conseguire una qualifica attraverso una formazione direttamente sul luogo di lavoro. E' rivolto a ragazze e ragazzi di età compresa tra 18 e 29 anni, ma puoi stipularlo anche a 17 anni se sei già in possesso di una qualifica professionale. La durata contrattuale per questa tipologia di apprendistato è di 3 anni o 5 per i profili professionali caratterizzanti la figura dell'artigiano.
    Se hai questi requisiti e vuoi saperne di più guarda qui come è strutturato.
  • Apprendistato di alta formazione e ricerca
    La finalità di questa forma di apprendistato è il conseguimento di:

    • diploma di Istruzione Tecnica Superiore (ITS)
    • laurea triennale, magistrale e magistrale a ciclo unico
    • master di I° e di II° livello
    • dottorato di ricerca
    • praticantato per l’accesso alle professioni ordinistiche
    • attività di ricerca

    La durata del periodo di apprendistato dipende dal tipo di titolo di studio che vuoi conseguire ed è stabilita da norme regionali. Sul sito Formazione e Lavoro della Regione trovi maggiori informazioni.

    C'è poi un'altra possibilità ed è legata all'utilizzo del contratto di apprendistato, a tempo determinato, per lo svolgimento di attività stagionali. L'Emilia-Romagna ha attivato una sperimentazione per l'anno 2016. Qui trovi tutti i dettagli.

    I percorsi creati, come hai avuto modo di vedere, sono molteplici. Quello che è importante sapere, a questo punto, è che l'apprendistato deve sempre prevedere una retribuzione per te, perchè anche se legato alla formazione, quello che svolgi è un lavoro a tutti gli effetti. E' la contrattazione collettiva, in base alla tipologia di apprendistato, alla qualifica da conseguire e al livello di inquadramento, a stabilire di volta in volta l'entità dell'importo. 

    Tirocini

    L’inserimento e il reinserimento nel mondo del lavoro non si basano esclusivamente sull’aggiornamento continuo di saperi, ma richiedono una sapiente miscela di conoscenze, abilità e attitudini. Sono le cosiddette “competenze” e il tirocinio è una delle modalità maggiormente utilizzate per acquisirne di nuove da utilizzare nel mercato del lavoro.

    TirocinioSe vuoi sapere come è strutturata un'esperienza di tirocinio, quali sono i suoi elementi costitutivi e le procedure di attivazione, ti invitiamo a leggere l'ottima sintesi elaborata dalla Regione Emilia-Romagna.

    La nostra Regione disciplina quattro tipologie di tirocinio extracurriculare. Ognuna ha caratteristiche e durata specifiche per rispondere alle diverse necessità. Scegli quella giusta per te tra queste:

    • Tirocini formativi e di orientamento
      Sono pensati per chi ha conseguito un titolo di studio (diploma o laurea) da non più di un anno e sono finalizzati ad agevolare le scelte professionali e l’occupabilità delle ragazze e dei ragazzi nella transizione scuola-lavoro. Durano al massimo sei mesi, comprese eventuali proroghe.
    • Tirocini di inserimento o reinserimento nel mercato del lavoro
      Sono destinati a inoccupati e disoccupati, persone in mobilità, beneficiari di ammortizzatori sociali. La durata è di massimo un anno, proroghe comprese.
    • Tirocini rivolti a persone con disabilità o in condizioni di svantaggio
      Sono esperienze rivolte alle persone diversamente abili o che vivono in condizioni di difficoltà o che sono richiedenti asilo o titolari di protezione internazionale. Hanno una funzione di orientamento oppure di inserimento/reinserimento lavorativo. Possono durare non più di due anni per le persone con disabilità e al massimo uno negli altri casi.
    • Tirocini finalizzati all’inclusione sociale, all’autonomia e alla riabilitazione
      E' uno strumento nato per sostenere l’inclusione sociale delle persone prese in carico dai servizi sociali o sanitari, che sono in condizione di grave disagio economico e sociale. Durano al massimo due anni, comprese eventuali proroghe. 

    La legge regionale prevede che il tirocinante riceva un rimborso mensile 450 euro da parte dell’azienda.

    Per noi il tirocinio è una cosa seria! Per valorizzare l’esperienza formativa di questo strumento la Regione Emilia-Romagna prevede per tutti i tirocini la formalizzazione delle competenze. In poche parole, durante il tuo percorso, un Esperto di Processi Valutativi (EPV) curerà dei momenti di monitoraggio e di verifica per rilasciare poi, alla fine, una “Scheda di capacità e conoscenze” che attesti le competenze che hai raggiunto.

    Ora che ti abbiamo mostrato il quadro completo delle varie tipologie di tirocini che puoi svolgere, non ci restano che alcune indicazioni sulle procedure di attivazione. Rivolgiti a un Centro per l’impiego, scegliendo nella mappa quello più vicino a te, iscriviti al portale Lavoro per Te della Regione Emilia-Romagna e richiedi l’abilitazione ai servizi amministrativi.

    Se invece ti interessa svolgere un tirocinio transnazionale, puoi consultare la sezione Estero

    archiviato sotto: ,